dibello_low

Antropologia dello Sguardo, la terza edizione di Centrale Fotografia

Dal 10 al 12 giugno 2011 tre giorni dedicati alla fotografia e all’arte contemporanea, nell’intento di comporre un’istantanea sull’attuale panorama italiano attraverso mostre, eventi e conferenze.

Il mezzo fotografico è inteso come strumento d’indagine antropologica

Antropologia dello Sguardo, la III edizione della rassegna Centrale Fotografia, sofferma la sua attenzione sul mezzo fotografico inteso come strumento d’indagine antropologica, indagando i modi e le mode che lo hanno reso sia testimone documentario che interprete soggettivo del divenire umano.

Gli ospiti d’onore sono Mario Cresci e Paola Di Bello, che si racconteranno al pubblico offrendo una visione completa della loro produzione più recente.

Tra gli eventi principali:

  • la mostra Sulla fotografia, ospitata all’interno dei suggestivi locali della Rocca Malatestiana, che, riprendendo il titolo del celebre saggio di Susan Sontag, ne attualizza le tematiche, portando lo spettatore a domandarsi, piuttosto che a demandare, le origini del proprio sguardo, vettore attivo dell’indagine;
  • la rassegna cinematografica La fotografia al cinema, con la proiezione di film in cui la fotografia è tema portante;
  • la mostra prodotta da Centrale Fotografia in cui sono proposti i lavori dei partecipanti al corso di fotografia Fano-Pesaro, rileggere il paesaggio delle due città;
  • la presentazione della nuova rivista specializzata RVM – Rear View Mirror edita dalla Postcart edizioni di Roma;
  • l’anteprima del libro Jeff Wall, fotografia e arte contemporanea: scritti 1982-2003, edito dalla casa editrice marchigiana Quodlibet.

La rassegna è organizzata dall’Associazione Culturale Centrale Fotografia in collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Fano, la Mediateca Montanari-Memo, con la compartecipazione dell’Assemblea legislativa delle Marche, il contributo dello Studio d’architettura Tomassini, Caffè Centrale, Ristorante La Mandria e Hotel Siri.

Commenta

Fotografia di ricerca a Fano e nelle Marche